Paura di parlare in pubblico: 4 tecniche per superarla

Paura di parlare in pubblico: 4 tecniche per superarla

 

La paura di parlare in pubblico ti blocca? Ti senti agitato, ti manca l’aria e la salivazione si azzera? È tutto normale. L’ansia e lo stress possono farti sentire a disagio e alimentare una serie di paure ingiustificate, come il timore di dimenticarti quello che devi esporre.

Pensa, anche Cicerone, grandissimo filosofo e oratore, pare avesse confessato di aver paura di parlare in pubblico. Probabilmente, proprio per questo, nel suo libro “L'arte di comunicare”, riesce a dispensare consigli così preziosi sulle doti che un buon oratore dovrebbe avere.

Dunque, non sei solo e non stai affrontando qualcosa di insuperabile. Certo, ogni persona è diversa e le cause che generano ansia sono soggettive: dalla poca autostima alla paura di essere giudicati. Tuttavia, esistono soluzioni efficaci per affrontare e vincere la paura di parlare in pubblico, senza farsi dominare dalle emozioni.

Prendi i consigli che abbiamo raccolto per te e conquista la scena.

 

Paura di parlare in pubblico: esistono delle tecniche per superarla?

 

Le statistiche raccolte riguardo alla paura di parlare in pubblico sono molto significative: il 70% della popolazione mondiale soffre di questa fobia. In Italia, 1 persona su 4 si preoccupa quando deve esporre un discorso.

È una statistica sorprendente, soprattutto perché in gran parte dei ruoli professionali è richiesta una buona abilità di public speaking. Dunque, non può essere questo timore a frenare le tue ambizioni, giusto?

Eppure, quando arriva il momento di salire sul palco e lo sguardo del pubblico si concentra su di te, lo percepisci, ne senti il peso. Resti lì, paralizzato. I secondi passano, mentre il panico aumenta e ogni minima cosa intorno a te sembra coalizzarsi per turbarti. Non è così.

Questo è il momento di sbarazzarti della paura di parlare in pubblico. Ecco 4 tecniche potenti per superarla e affascinare chi ti ascolta.

 

1) Organizzati per tempo e mettiti alla prova

 

Preparare il discorso che dovrai fare non è un gioco da ragazzi. Richiede impegno e pianificazione. Dunque, non affidarti solo alla memorizzazione, ma organizzati e creati dei riferimenti sicuri, che ti permettano di essere più disinvolto. Se hai studiato bene la tua presentazione, il pubblico lo vedrà e il suo assenso ti incoraggerà, rafforzando la fiducia in te stesso.

Quindi, è necessario che tu sappia molto bene di cosa stai parlando. Se citi delle fonti, verificale prima, assicurati che siano attendibili: nessuno potrà obiettare quello che stai dicendo.

Suddividi il testo e le slide che hai preparato in 3 parti: introduzione, spiegazione e conclusione. Evidenzia le parole chiave, per darti dei punti saldi a cui aggrapparti. Poi, esercitati il più possibile e abituati a sentire la tua voce.

Immagina che sia arrivato il grande giorno. Chiudi gli occhi e sei già lì. Visualizza la sala dove parlerai. Ripeti più volte la presentazione, senti dove sei meno sicuro e cerca di creare delle ancore per ricordare meglio. Se senti di conoscere bene l’argomento e hai dei riferimenti, potrai fare un'esposizione lucida e accattivante.

Qualche giorno prima della presentazione, puoi anche provare a ripetere il testo di fronte a uno specchio, oppure a un gruppo di amici, per ascoltare i loro commenti.

Non sei alle olimpiadi, dunque non si tratta di salire sul podio, ma di fare la tua presentazione senza errori. Questi passaggi, che possono sembrare banali, ti aiuteranno tantissimo, quindi pianifica attentamente ogni dettaglio del tuo discorso.

 

2) Pensa positivo e sii te stesso

 

Hai paura che le persone nella platea ti giudichino? Vedi che qualcuno tra il pubblico sbadiglia? Stai calmo. Per affrontare al meglio uno speech devi essere sicuro di te stesso e non devi curarti troppo di questi dettagli.

Troverai sempre qualcuno che ama fare il critico, oppure che si trova lì solo perché lo hanno obbligato a esserci. Non ti curare di loro.

È il tuo momento. Immaginati mentre sali sul palco: tieni la testa alta, sorridi e scaccia i pensieri negativi. Davanti a te ci sono tantissimi sguardi incuriositi. Aspettano le tue parole. Non pensare a cosa devi fare, ma fallo.

Cerca il contatto visivo, fissa uno sguardo e inizia a parlare. Facendo così ti sembrerà di parlare a una persona e non a un gruppo. Controlla la velocità con cui esponi il tuo discorso e cerca di non esagerare. Parlare velocemente non ti aiuterà a finire prima, anzi, mostrerà solo che sei ansioso e che non vedi l’ora di andartene.

Concentrati su quello che devi dire e dillo. Evita di tenere la penna o qualsiasi altro oggetto in mano, perché potresti distrarre il pubblico e, se sei un po’ agitato, rischi di sembrare un giocoliere.

Se inizi a percepire l'ansia, dillo e basta. Sorridi e lo comunichi: “se vi sembro agitato, è perché lo sono”. Elimini subito un pensiero negativo e ti senti alleggerito da un peso, che ora condividi con il tuo pubblico. Non dimenticare che sono persone, e provano emozioni, proprio come te. Essere umile e sincero ti renderà più credibile e sarai apprezzato.

Anton Čechov una volta ha detto: “L’uomo è ciò in cui crede”. Devi credere alle tue capacità di parlare in pubblico. Lo farai, così come ti viene, migliorando nel tempo.

 

3) Paura di parlare in pubblico? Impara a rilassarti

 

Hai mai osservato cosa succede al tuo respiro quando l’ansia insorge? La respirazione si fa rapida e superficiale. Inizi ad annaspare, perché diventa un sintomo che temi di non riuscire a controllare e finisce per condizionarti.

Esistono varie tecniche per rilassare corpo e mente. Provane alcune e trova quelle che meglio si adattano a te. Per esempio, c’è un esercizio molto facile da mettere in pratica e che puoi usare anche poco prima di salire sul palco e iniziare a parlare. Consiste nel chiudere gli occhi e concentrare l’attenzione solo sul tuo respiro. Inspira ed espira, libera la mente da tutto e, ogni volta che un pensiero fa capolino, riporta la tua attenzione sul respiro.

Poi, sempre respirando profondamente, porta l’attenzione sulle estremità del tuo corpo: le punte delle mani, dei piedi e la testa. Infine, le gambe, le braccia, il collo e l’addome. Resta concentrato sulla percezione di te stesso.

Sono sufficienti 5 minuti, per rilassarti e contrastare l'ansia. Con la pratica, saranno esercizi sempre più efficaci e ti aiuteranno a migliorare la concentrazione, per gestire situazioni di ansia.

 

4) Accetta le critiche e sfruttale a tuo vantaggio

 

Per migliorare e per far crescere la propria carriera è necessario sia accettare le critiche, che fare un'autoanalisi.

Chiunque di noi vorrebbe tenere il suo primo discorso e sentirsi dire che è stato impeccabile. Ma non funziona così, non sempre almeno. Quindi, ascolta e annotati le critiche che ricevi, perché sono punti su cui potrai concentrati, per migliorare le tue performance di public speaking.

Se trasformi le critiche in pietre, il loro peso ti porterà solo a rinunciare. Sfruttale a tuo vantaggio e non lasciare che alimentino la tua paura di parlare in pubblico. Vedile come dei punti che puoi migliorare, per sorprendere tutti alla prossima occasione.

Se vuoi approfondire altre strategie, per imparare a parlare in pubblico, questo articolo è perfetto per te: Public Speaking: come imparare a parlare in pubblico.

 

Paura di parlare in pubblico: la pratica è lo strumento che porta alla perfezione

 

La paura è una delle emozioni primarie dell’essere umano, e anche se spesso la viviamo come negativa, in realtà non lo è. Se ben gestita è una chiave in più per comprendere noi stessi.

Superare l’ostacolo della paura di parlare in pubblico ti renderà più sicuro e la tua autostima ne trarrà beneficio. Non si diventa grandi oratori, come Cicerone, da un giorno all’altro, ma con costanza e pratica.

La paura di parlare in pubblico può essere gestita e superata. Certo, non sarà un percorso facile, ma i consigli che hai appena letto possono aiutarti a fare dei progressi e a vincere le tue resistenze.

Se vuoi approfondire e iniziare subito ad applicare tecniche di public speaking efficaci, contattaci subito per conoscere il programma dei nostri corsi dedicati.


  fabiola-giffoni-q-sfera  

Scritto da: Fabiola Giffoni


Coach e Formatrice specializzata in ambito business. Per Qsfera e per Studio Essepi affianca imprenditori e collaboratori per fare chiarezza sugli obiettivi del mangement, facendo emergere il potenziale degli stessi, per il raggiungimento di risultati personali e professionali.