Formazione formatori: la creatività come strumento e metodo

Formazione formatori: la creatività come strumento e metodo

 

La creatività è un processo che nasce dalla conoscenza, e che tutti possiamo mettere in moto. Per molti è un concetto sfuggente, ma in realtà può essere uno strumento innovativo ed efficace anche nella formazione per formatori.

Strutturare percorsi formativi proficui, per collaboratori e team aziendali, vuol dire saper offrire metodi capaci di creare coinvolgimento attivo e collaborazione: un approccio equilibrato tra la trasmissione di conoscenza e il saper accompagnare allo sviluppo di un pensiero divergente.

La formazione creativa diventa, così, apprendimento, stimola nuove connessioni e interazioni. Per le aziende significa valorizzare il potenziale del team e ottimizzare le proprie risorse interne.

 

Formazione formatori: creatività e pensiero divergente

 

La creatività è uno strumento essenziale per affrontare l’apprendimento di qualsiasi argomento: è l’abilità di saper scegliere le soluzioni più appropriate, tra elementi già esistenti, per generare nuove idee utili e di valore.

Il modello d’insegnamento classico, che ancora oggi viene utilizzato nelle scuole o nei corsi di formazione, tende a limitare la creatività del discente. È un vecchio processo in stile “catena di montaggio”: trasmette la conoscenza, ma non gli strumenti per un ragionamento critico, aperto alla ricerca creativa di risposte alternative. Questo metodo produce un basso livello di apprendimento, e soffoca le capacità di ragionamento e immaginazione.

Il metodo creativo basato sul pensiero divergente, invece, coinvolge e stimola la riflessione, permette di sviluppare l’abilità di vedere molteplici risposte alla stessa domanda. Non è forse il problem solving una delle competenze indispensabili richieste in ambito lavorativo?

Saper affrontare gli imprevisti, comprenderli, riconoscerne le cause e attuare le soluzioni più efficaci ai problemi che incontriamo: questo è ciò cui ognuno è chiamato ogni giorno, sia nel lavoro che nella vita privata.

Ecco perché il nostro approccio ai corsi di formazione per formatori è focalizzato sul fornire metodi e strumenti che sappiano valorizzare la creatività, e che siano orientati allo sviluppo del pensiero divergente.

Su questa tematica potrebbe interessarti anche: Come sviluppare il pensiero laterale per la creatività in azienda

 

Formazione formatori: oltre il concetto standard d’insegnamento

 

La formazione creativa va oltre quella classica e standardizzata: allena le persone a scovare le soluzioni alternative a un problema che sembra impossibile da risolvere, o che viene affrontato sempre allo stesso modo (semplicemente perché “si è sempre fatto così”).

Se vogliamo imprese pronte al cambiamento, capaci di evolversi e fronteggiare nuove sfide, è necessario avere formatori aziendali che sappiano facilitare e stimolare l’apprendimento. Servono approcci alternativi e contestualizzati, che in modo critico e riflessivo sappiano alimentare innovazione e miglioramenti continui.

Incoraggiare una formazione creativa sostenuta dal pensiero divergente non significa trascurare accuratezza e precisione. L’atto creativo necessita comunque di verifica e valutazione. Tuttavia, stimolare alla riflessione e coinvolgere i partecipanti ai corsi di formazione, consente di ottenere risultati eccellenti: il frutto della connessione tra idee e orientamenti diversi.

L’approccio alla formazione creativa è una variabile essenziale della produttività culturale e motivazionale dei propri collaboratori. È uno strumento che stimola l’attenzione e la partecipazione attiva.

 

Sviluppare formatori efficaci per l’innovazione aziendale

 

L’applicazione dei processi creativi nell’insegnamento apre le porte a un nuovo modello della formazione formatori. Certo, esso non può essere separato dall’esperienza, dalla costanza, dalla concentrazione e dall’impegno: ingredienti fondamentali nell’apprendimento.

Un approccio creativo mira a sviluppare l’abilità del formatore nel riformulare la propria proposta didattica, per predisporre un ambiente favorevole all’apprendimento. Non si tratta solo di saper erogare docenza, ovvero del “come fare” il formatore, ma di padroneggiare i metodi necessari per “esserlo”.

Un orientamento innovativo ed efficace che non si ferma alla trasmissione della conoscenza, ma punta a sviluppare la comprensione degli obiettivi, e la capacità di saper valutare il percorso formativo.

Ripensare e ripensarsi, nella formazione creativa, comporta una predisposizione alla crescita: permette al formatore di allenare quella creatività necessaria all’ideazione di nuove metodologie, per raggiungere l’attenzione dei propri allievi in qualsiasi contesto o settore.

La formazione formatori deve saper creare percorsi e relazioni, per mettersi in gioco senza sentirsi “misurati”. È uno stimolo che predispone al cambiamento e accompagna allo sviluppo di capacità riflessive e di problem solving: un modello di formazione ideale per una crescita professionale e umana costante, che sappia valorizzare il docente e favorire l’allievo.

Diventare formatore allenando la creatività, per erogare docenza in modo efficace: con questo intento abbiamo sviluppato il nostro corso di formazione per trainer e formatori.

Per avere maggiori dettagli, o per organizzare un corso personalizzato per la tua azienda, non esitare a contattarci.

 


  fabiola-giffoni-q-sfera  

Scritto da: Fabiola Giffoni


Consulente per la formazione aziendale tramite analisi fabbisogni, progettazione ed erogazione corsi, amante del canto.