Cosa si intende per "crescita personale"?

Cosa si intende per "crescita personale"?

 

Cosa si intende per crescita personale? Assume significati teorici differenti per ognuno di noi, perché non siamo tutti uguali e viviamo in contesti diversi con obiettivi specifici da raggiungere.

Eppure, è un processo universale che interessa chiunque. Un termine che implica determinazione nella ricerca di tecniche e approcci utili a migliorare sé stessi: abitudini, comportamenti, azioni e reazioni agli eventi.

Non importa a quale livello sei attualmente con le tue abilità o qualità, puoi sempre trovare un modo più efficace e adatto a te per sviluppare il tuo potenziale. E questa consapevolezza è il fattore che può spronarti a scardinare le convinzioni limitanti, per riuscire a esprimere le tue reali capacità.

Certo, non è facile, serve un grande sforzo per alimentare la motivazione, il desiderio di migliorare e la volontà di apportare i cambiamenti necessari. Ma ne vale la pena. In pratica, ogni volta che desideri migliorarti, che si tratti del temperamento, del modo in cui reagisci a certe circostanze o di coltivare le tue capacità empatiche, stai cercando la crescita personale.

Dunque, qual è il primo passo? Lo stai facendo proprio ora. Approfondiamo insieme.

Consapevolezza: come iniziare un percorso di crescita personale

La crescita personale ha prima di tutto a che fare con la coscienza di chi sei, di quello che senti e di chi vuoi diventare. È un percorso per accrescere la propria consapevolezza e varia da persona a persona. Non ci sono regole universali. Tuttavia, c’è un segreto: porsi le domande giuste. Questi sono alcuni degli interrogativi che possono aiutarti a riflettere:

  - Dove sei adesso? Qual è la tua condizione?
  - Quali sono i tuoi punti di forza e debolezza, le tue buone e cattive abitudini?
  - Come reagisci di fronte a certe situazioni?
  - Cosa ti fa stare bene? Cosa ti fa stare male?

La consapevolezza nasce da un’osservazione senza giudizio. Significa imparare ad ammettere i propri comportamenti automatici e i pregiudizi che ci condizionano, così da poterli rompere e destrutturare. Essere persone consapevoli ci consente di imparare ad agire piuttosto che a reagire.

“Ciò che conosciamo di noi è solamente una parte, e forse piccolissima, di ciò che siamo a nostra insaputa” (Luigi Pirandello).

Cosa si intende per crescita personale: l’evoluzione di sé stessi

Accrescere la tua consapevolezza è il primo passo verso il cambiamento che desideri, ed è molto legata alla ricerca della tua autenticità: quella forza che ti consente di uscire dal tracciato, di trovare e affermare la tua voce.

Dunque, evoluzione personale significa liberarsi dell’immagine di noi stessi e disorientare le aspettative che gli altri hanno di noi per ritrovarci più veri. Richiede tanto coraggio e un’attenzione molto profonda. Sappiamo bene che è difficile, ma ti vogliamo svelare un trucco: un passo alla volta.

Quello di non guardare la cima della montagna è un consiglio tanto scontato quanto concreto, perché la verità è che ci lasciamo spaventare dall’enormità delle nostre mete. Basterebbe ricordare che quell’enormità è fatta di piccoli passi.

Darti dei traguardi più vicini ti consente di aggirare la paura e cominciare. In questo modo, potrai sentire gratificazione a ogni piccolo grande obiettivo raggiunto, manterrai alta la motivazione e quasi non ti accorgerai del cambiamento. E allora il tempo che passa diventa prezioso, proprio perché ti avvicina a chi sei davvero.

Come la crescita personale ti cambia la vita

“Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. È una delle grandi pillole di saggezza che ci ha lasciato Gandhi. La crescita personale implica un cambiamento interiore profondo che si riflette nel modo in cui ci relazioniamo con gli altri. È un aspetto fondamentale, che ci consente di lasciare un’impronta in ogni attività che svolgiamo, dalla vita privata a quella professionale.

Dopotutto, pensaci un attimo. Quando descrivi una persona che ritieni essere saggia, quali parole usi per decifrare quello che ti trasmette? Molto probabilmente, la tua risposta ha a che fare con serenità, forza, calma e determinazione.

Realizzare la nostra autenticità ci rende persone più felici, allontana le insoddisfazioni e di conseguenza meglio ci dispone nei confronti del mondo: siamo più attenti, aperti al cambiamento, resilienti e sereni.

E solo una persona orientata ad apprendere nuove conoscenze, capace di un’empatia che le consenta di comprendere sé stessa e gli altri, trova sempre delle soluzioni positive per risolvere i problemi. Sa valorizzare quanto le accade per trasformarlo in una leva di crescita per sé stessa, la famiglia e l’azienda in cui lavora.

È un approccio che cambia il tuo modo di vedere il mondo e accresce la fiducia che riponi in te, nella vita e nelle persone. In realtà, è un processo davvero completo: spirituale, personale, professionale, sociale.

Quindi, un collaboratore orientato alla crescita personale è quella persona che può offrire il massimo potenziale possibile per raggiungere gli obiettivi aziendali. Il leader positivo questo lo sa bene, poiché agisce proprio così: possiede il pensiero critico per strutturare un ambiente che facili lo sviluppo delle capacità dei propri dipendenti.

Crescita personale: perché e per chi è così importante

Attivarsi per realizzare un miglioramento personale implica una profonda trasformazione mentale, fisica e spirituale. Significa imparare, ma non solo. Vuol dire interiorizzare a tal punto quello che impari da renderlo parte integrante di te.

Può sembrare un lusso per poche persone, ma non lo è. Tendiamo a credere che possa concederselo chi ha tempo, risorse e soprattutto chi non ha pensieri. In realtà, a ben guardare, le persone che hanno successo sono proprio quelle che dedicano tempo alla propria crescita personale. Per esempio, pensa ad alcune delle caratteristiche che vengono riconosciute nei grandi leader:

  - capacità di ascolto;
  - empatia;
  - capacità di visione;
  - carisma.

Sono tutti aspetti che qualcuno può manifestare in modo naturale, ma chiunque può acquisirli e coltivarli. Inoltre, un leader positivo è una persona che ha consapevolezza di sé oltre che della sua squadra. È in grado di distinguere i suoi punti di forza, così come quelli di debolezza, sa dare il buon esempio, valorizzare il gruppo e ispirarlo. Se riesci a fare questo, puoi moltiplicare le opportunità di crescita e ottenere i risultati che desideri.

Crescita personale: come fare

Le persone di successo sono quelle che non smettono mai di saltare fuori dalla propria zona di comfort e cercano di liberare il proprio potenziale per ottenere sempre il massimo risultato possibile. Ma come fare? Sarebbe bello se ce lo insegnassero a scuola e la società ci supportasse, ma la realtà è diversa.

Lo abbiamo detto: non esiste un percorso universale. Puoi iniziare dalla lettura di un libro o scrivere un diario. Puoi praticare yoga, meditare, camminare. Puoi ritagliarti del tempo tutto tuo e magari concederti uno spazio in cui, semplicemente, ti limiti ad ascoltarti. Dovunque tu inizi, la crescita personale non finisce mai e la cosa ancora più bella è che non è mai troppo tardi per cominciare.

Una volta messa in moto, l’evoluzione personale ti apre possibilità infinite e ti mette di fronte a percorsi inaspettati. Tuttavia, servono motivazione, impegno e voglia di mettersi in gioco. È un processo molto complesso e non privo delle tue stesse resistenze.

Avvalerti del supporto di un Coach ti aiuta a portare avanti il tuo cammino di crescita con continuità ed efficacia. Qsfera propone percorsi di personal coaching con professionisti qualificati che possono guidarti, aiutarti a fare chiarezza e mantenere alta la motivazione.

Contattaci senza impegno. Saremo felici di darti tutte le informazioni di cui hai bisogno per iniziare un percorso di crescita personale che ti consenta di attingere al tuo massimo potenziale.

 

  fabiola-giffoni-q-sfera  

Scritto da: Fabiola Giffoni


Coach e Formatrice specializzata in ambito business. Per Qsfera e per Studio Essepi affianca imprenditori e collaboratori per fare chiarezza sugli obiettivi del mangement, facendo emergere il potenziale degli stessi, per il raggiungimento di risultati personali e professionali.