Come gestire lo stress sul lavoro: 4 consigli utili

Come gestire lo stress sul lavoro: 4 consigli utili

 

La pandemia da COVID-19 sta causando profonde ripercussioni nella vita di tutti. Tra restrizioni e informazioni in rapido cambiamento, siamo confusi e soggetti a picchi di ansia travolgenti. È necessario comprendere come gestire lo stress sul lavoro per contribuire a creare ambienti empatici, promuovere l’ottimismo e riuscire a esprimere tutto il nostro potenziale.



Più attenzione al benessere, per superare lo stress al lavoro

Se tra le mura domestiche possiamo contare sui nostri cari, riuscire a contrastare l’ansia in azienda può essere più complesso. Tuttavia, ci sono accortezze che puoi implementare subito per rendere più facile e produttiva la tua vita lavorativa, oltre a quella di collaboratori e colleghi.Ecco alcuni modi in cui puoi gestire lo stress lavorativo. Falli tuoi e sviluppa nuovi approcci. Ti saranno utili anche in un futuro dove, finalmente, la pandemia sarà solo un brutto ricordo.

Cerca la flessibilità

Se c’è una cosa che l’emergenza COVID-19 ci ha insegnato, è che tutto può cambiare in poche ore. Società e singole persone devono sapersi adattare il più velocemente possibile. Nel gestire lo stress sul lavoro dei tuoi collaboratori devi fare lo stesso. Non è solo una questione di maggiore apertura al work from home, ma di far entrare la flessibilità nei meccanismi più remoti della tua organizzazione.

Scadenze, spostamenti, progetti di gruppo, nell’era della pandemia tutto può generare stress da lavoro. Cosa fare? Rivedi i processi aziendali, gli orari e persino il tuo approccio alla leadership.

Anche in tempi normali, il tuo team cambia continuamente, ma ora più che mai devi sapere come stargli accanto. Un collaboratore ha bisogno di entrare alle 10 tutti i giorni e un’altra di lavorare da casa ogni martedì? Sii comprensivo e fidati di chi ti circonda. I tuoi dipendenti contano su di te, soprattutto ora.

 

Crea connessioni migliori per gestire lo stress sul lavoro

Tra lockdown, DAD e smart working, gran parte delle nostre interazioni si sono spostate online. Lo stesso, siamo riusciti a trarre il meglio da queste situazioni, facendo ciò che ci riesce meglio: comunicare. Abbiamo imparato a chiedere, a essere più chiari e a prenderci il giusto tempo. Tutte azioni che possono funzionare anche come rimedi contro lo stress al lavoro.

L’imprevedibilità è il fattore che più spaventa i tuoi collaboratori. Li preoccupava prima della pandemia, e li attanaglia ancora di più ora che le cose sembrano migliorare. Sapere come gestire lo stress sul lavoro in un mondo in continua evoluzione è complesso. Ma se starai vicino al tuo team e saprai creare un ambiente empatico, equo e sano, potrai aiutarlo anche in questa battaglia. E ogni componente darà il massimo per sostenerti.

Costruisci una cultura basata sulle connessioni. Prenditi il tempo per conoscere i tuoi dipendenti, facendo più domande, sottoponendo questionari o creando occasioni per il team building. Capire le dinamiche del tuo personale è fondamentale per il buon funzionamento dell’azienda, perché più serene sono le persone che lavorano per te, più sana sarà l’organizzazione.

Accetta la vulnerabilità

Molto spesso, più di quello che credi, i tuoi collaboratori non sanno come gestire lo stress sul lavoro. Non solo fanno fatica ad ammetterlo a sé stessi, trovano impensabile il pensiero di poterne parlare con te.

È proprio qui che devi entrare in gioco. La pandemia ci ha reso tutti più vulnerabili. Comincia una discussione al riguardo. Condividi la tua esperienza, mostrati umano: i tuoi dipendenti si sentiranno meno isolati e più disposti ad aprirsi.

Metti a disposizione del tuo team un servizio di supporto psicologico o delle risorse come corsi di self-help o self-care. Fagli capire che occuparsi della propria salute mentale deve essere una priorità, in primis per il loro benessere.

Combattere lo stress al lavoro in solitaria è molto difficile. Sapere di avere l’appoggio del proprio datore di lavoro e dei colleghi fa una grande differenza.

Abbandona ogni perfezionismo

Quando si tratta di gestire lo stress lavorativo dei tuoi dipendenti c’è una trappola da cui ti devi allontanare a gambe levate: la cultura del successo. Che tu l’abbia instaurata volontariamente o senza farci caso non importa, sta a te scardinare l’idea che qualsiasi tipo di insuccesso lavorativo sia un fallimento inaccettabile.

Immagina il livello di nervosismo al lavoro di un team convinto che il perfezionismo sia l’unica via. Colleghi che si accusano a vicenda, responsabilità scaricate, errori nascosti, ecc. Vuoi davvero che nella tua azienda si respiri un clima di questo tipo? Sarebbe controproducente e finirebbe per limitare il potenziale di tutti.

Se il perfezionismo imperante fa parte della tua impresa, devi assicurarti che i tuoi collaboratori siano consapevoli di un approccio non condiviso dall’azienda. Puntare a ottenere il massimo in un ambiente che valorizza il potenziale umano ha un impatto completamente diverso. Perché uno dei maggiori ostacoli al successo di un’impresa è proprio la paura di fallire dei suoi dipendenti. E il cambiamento dovrà venire da te.

Come gestire lo stress sul lavoro: inizia dalle persone

La pandemia di COVID-19 ha portato i disturbi dell’ansia a livelli mai visti prima. Ad oggi, per molti dipendenti la sfera professionale è motivo di preoccupazioni continue. La cassa integrazione prima, la possibilità di essere licenziati o di contrarre il virus in ufficio poi. Combattere lo stress da lavoro richiede tanta pianificazione ed empatia.

Dunque, è la tua azienda ad avere la responsabilità di aiutare il proprio organico a ritrovare l’equilibrio. Come abbiamo visto, puoi farlo in 4 modi diversi. Meno perfezionismo e più connessioni, tanta flessibilità e altrettanta comprensione: così dovrebbe apparire un ufficio che non si chiede più come gestire lo stress al lavoro.

Non importa quale sia il tuo settore di competenza, affinché un’azienda esprima il massimo potenziale la relazione tra manager e collaboratori deve funzionare. Non aspettare che i tuoi dipendenti vengano a chiederti aiuto, gioca d'anticipo.

Qsfera organizza corsi di formazione e consulenza personalizzata per supportare la tua crescita e quella del tuo team. Contattaci senza impegno: siamo a tua disposizione per fornirti le informazioni di cui hai bisogno. Puoi creare ambienti di lavoro sani ed equi, aumentare la motivazione sul lavoro e preparare la tua azienda a superare qualsiasi difficoltà.

 

  fabiola-giffoni-q-sfera  

Scritto da: Fabiola Giffoni


Coach e Formatrice specializzata in ambito business. Per Qsfera e per Studio Essepi affianca imprenditori e collaboratori per fare chiarezza sugli obiettivi del mangement, facendo emergere il potenziale degli stessi, per il raggiungimento di risultati personali e professionali.