Business Model Canvas: a cosa serve e perché è importante

Business Model Canvas: a cosa serve e perché è importante

 

L'innovazione e la crescita della tua attività richiedono uno sforzo enorme. Ogni aspetto aziendale, a qualsiasi livello, deve essere allineato e muoversi insieme nella stessa direzione. Il Business Model Canvas è lo strumento imprenditoriale che ti consente di farlo in modo snello ed efficace. Puoi definire e visualizzare con chiarezza gli elementi chiave della tua azienda, per progettare e reinventare il tuo modello di business.

Attraverso un approccio visivo, hai la possibilità di rappresentare graficamente la tua proposta di valore, identificare i segmenti di mercato in target e la gestione delle finanze. Ma non solo. Il Business Model Canvas ti permette di concentrare la tua attenzione e le risorse disponibili laddove servano per far crescere la tua attività.

È quasi impossibile che tu non ne abbia mai sentito parlare. Ma ora stiamo per vedere insieme ogni dettaglio dei 9 blocchi che compongono il canva di un Business Model, quali vantaggi può offrirti e come usarlo. Facciamolo subito.

Business Model Canvas, cos’è?

Il Business Model Canvas è uno strumento strategico sviluppato dal teorico dell'economia e scrittore svizzero Alexander Osterwalder. In pratica, si tratta di un framework che consente di rappresentare visivamente la logica con la quale un’impresa crea, distribuisce e cattura valore per i clienti.

Nello specifico, il modello presenta 9 diverse aree di interesse attraverso le quali è possibile comprendere con chiarezza gli elementi essenziali per il funzionamento ottimale dell’azienda:

  1. partner chiave;
  2. attività chiave;
  3. risorse chiave;
  4. proposte di valore;
  5. relazioni con i clienti;
  6. segmenti di clientela;
  7. canali;
  8. flussi di ricavi;
  9. struttura dei costi.

Il “segreto” che rende efficace il Business Model Canvas risiede proprio nell’organizzazione e sviluppo di un modello di business attraverso il linguaggio visivo. A prescindere dalle competenze e conoscenze delle persone che compongono il tuo staff, tutti sono potenzialmente in grado di comprenderlo con facilità. E questo aspetto non è mai trascurabile.

I collaboratori che si sentono coinvolti nel progetto di business sono più motivati e produttivi, pronti a lavorare in team per raggiungere gli obiettivi aziendali.

Come usare il Business Model Canvas e quali sono i vantaggi

Esistono molti template ed esempi di Business Model Canvas gratuiti e scaricabili dal web. Tuttavia, è talmente semplice che puoi replicarlo con facilità su una lavagna o un supporto visivo digitale, per condividerlo anche con i membri del tuo team e facilitarne l’interazione.

Le riunioni di brainstorming con i tuoi collaboratori consentono di sviluppare numerose idee e alternative a cui non avresti pensato. Dunque, metti a disposizione pennarelli colorati e post-it, lascia che le persone possano discutere e ampliare i differenti fattori che andranno a popolare le 9 aree di base del modello. Un’azione di questo tipo massimizza i vantaggi del Business Model Canvas per creare un’attività innovativa e di alto valore, poiché:

  - consente un approccio partecipativo;
  - potenzia l’analisi strategica;
  - traduce i concetti complessi in modo semplice e comprensibile a tutti;
  - stimola idee, nuove soluzioni e alimenta il team working;
  - fa emergere i diversi punti di forza delle persone all’interno del tuo organico.

Quindi, oltre a semplificare e definire il tuo modello d’affari, il Business Model Canvas è un tool aziendale collaborativo che si integra perfettamente nel contesto lavorativo. Qualsiasi azienda può trarne beneficio, grande o piccola che sia. Vale la pena entrare nello specifico delle 9 aree che compongono il canva di un Business Model efficace per comprenderle meglio e implementarle.

Quali sono i 9 blocchi del Business Model Canvas

Affinché il Business Model Canvas sia efficace, è necessario implementare e compilare tutti i 9 blocchi da cui è formato. Per ottenere un risultato migliore, elenca per ognuno di essi solo gli elementi distintivi che lo compongono, ovvero i fattori critici utili per comunicare valore.

#1 I partner chiave

Indipendentemente dal settore in cui operi, la tua azienda non è un’isola, ma è inserita in un contesto più ampio. Hai bisogno di collaborazioni esterne. Chi sono i partner e i fornitori con cui instaurare i rapporti che ti aiuteranno a soddisfare la tua proposta di valore per i clienti?

Nel primo blocco del Business Model Canvas, dovrai rispondere a questa domanda. Pensa a quali partnership strategiche potrebbero farti fare il salto di qualità.

#2 Le attività chiave

In quest’area dovrai elencare tutte le attività strategiche che la tua azienda compie o dovrà compiere per rendere efficiente il modello di business e soddisfare le proposte di valore. Oltre a proteggere i canali di distribuzione, rafforzare le relazioni con i clienti, ottimizzare i flussi di entrate, ecc.

A seconda del settore in cui operi e del tipo di prodotti o servizi che offri, considera tutte le attività chiave e sintetizzale in modo chiaro e diretto.

#3 Le risorse chiave

È arrivato il momento di definire quali siano le risorse necessarie a creare valore per i tuoi clienti e a sostenere la tua attività. Ovvero, tutte quelle necessarie a risolvere uno specifico problema per un determinato target.

In quest’area dovrai elencare tutti i bisogni primari indispensabili al funzionamento della tua azienda. Non si tratta solo di riportare risorse fisiche, come beni materiali, impianti, macchinari, ecc., ma anche quelle umane, finanziarie e intellettuali.

#4 Business Model Canvas: le proposte di valore

Dette anche value propositions, le proposte di valore rappresentano il “perché” un determinato cliente dovrebbe preferire il tuo prodotto rispetto a quello della concorrenza. Dunque, in quest’area dovrai indicare la tua USP (Unique Selling Proposition): quali prodotti e servizi offrirai per soddisfare le esigenze dei clienti e aiutarli a vincere le loro sfide? In che modo la tua attività sarà diversa dalla concorrenza?

Ricordati, però, di non considerare solo gli aspetti pratici e tecnici. Spesso, i valori più ricercati sono quelli intangibili, sociali ed emotivi, che si riflettono anche all’interno dell’azienda. Dunque, assicurati che valori aziendali e personali siano condivisi da tutto il team, se vuoi creare un ambiente di lavoro più proattivo, sereno e consapevole.

#5 Relazioni coi clienti

I clienti sono il carburante che alimenta la tua azienda e ne decretano il successo. Senza di loro, il fallimento è una certezza. Ecco perché, in questa quinta area, dovrai esplicitare tutte le azioni per acquisire nuovi clienti, fidelizzare quelli che già hai e implementare le vendite.

Quindi, quali tipi di relazioni creerai con i diversi segmenti della tua clientela? Quali sono le aspettative per ciascun segmento? Come si intrecciano con il resto del tuo modello di business? Ogni segmento in cui suddividerai il tuo pubblico potrebbe avere bisogni e valori differenti di cui dovrai tenere conto sia in fase di acquisizione che di fidelizzazione.

#6 I segmenti di clientela

Quest’area del Business Model Canvas è strettamente connessa alla precedente: quali gruppi di clienti servirai? Quali sono i più importanti per la tua attività? Meglio riuscirai a comprendere i tuoi clienti ideali e a segmentarli in maniera precisa, più capirai quali sono i loro bisogni e i loro valori.

Di conseguenza, potrai implementare azioni ad hoc per attirarli e poi fidelizzarli. Ogni gruppo, o segmento, di clienti ha le proprie esigenze, canali di riferimento specifici, linguaggio e comportamento differente. Non sottovalutare mai questi aspetti. La mancata comprensione dei tuoi clienti target è l’errore peggiore che potresti commettere.

#7 I canali

I canali rappresentano i mezzi che permettono all’azienda di raggiungere i segmenti di clientela. Quali sono i più convenienti? Come sono integrati fra loro? Dovrai tener conto di ogni fase che compone il processo d’acquisto: dalla ricerca di informazioni iniziale, all’offerta del prodotto/servizio, fino al post-vendita.

Inoltre, dovrai definire chiaramente se i canali saranno diretti, come e-commerce e punti vendita off-line, oppure indiretti. L’obiettivo dovrebbe essere quello di identificarli correttamente e personalizzarli a seconda della clientela di riferimento. In questo modo, potrai abbattere le criticità che limitano l’efficacia delle tue offerte.

#8 I flussi di ricavi nel Business Model Canvas

L’ottava area del Business Model Canvas è dedicata ai ricavi che l’azienda ottiene dalla vendita dei propri prodotti/servizi. Questi possono derivare da diverse fonti a seconda della tipologia di business: quanto addebiterai per i tuoi prodotti e servizi? Per cosa sono disposti a pagare i clienti? Come pagheranno? Quanto contribuirà ciascun flusso di entrate rispetto a quelle complessive?

Elenca ogni possibile flusso che può contribuire ai ricavi aziendali. Devi sapere, con certezza, come riuscire ad alimentare il tuo modello di business.

#9 Struttura dei costi

Dalla compilazione di partner, attività e risorse chiave, ti accorgerai di quali costi hanno un impatto maggiore sulle tue uscite e se è possibile trovare alternative più economiche. Dunque, dovrai definire quali siano i costi chiave che la tua azienda dovrà affrontare, oltre a quali risorse e attività costeranno di più.

I costi poi andranno divisi tra fissi, variabili, economie di scala e di scopo. Controlla quali risultano troppo alti e comparali con i flussi di ricavo che, per ovvie ragioni, dovranno risultare più elevati.

Fai decollare la tua azienda con il Business Model Canvas

Quando vuoi iniziare una nuova attività o reinventare e innovare quella che stai portando avanti, il Business Model Canvas è uno strumento strategico imprescindibile. Attraverso il linguaggio visuale dei 9 semplici blocchi che lo compongono, permetterà a te e al tuo team di cogliere le componenti fondamentali che stanno guidando l’azienda. E, di conseguenza, come poterle modificare e migliorare.

Dalle strategie, ai valori, fino ai clienti, passando per costi e ricavi, avrai una visione esaustiva della tua realtà aziendale. Inoltre, il canva del tuo modello di business faciliterà il coinvolgimento del team e la condivisione di nuove idee e progetti per una continua evoluzione.

Qsfera organizza percorsi formativi per aiutarti a ottimizzare le performance aziendali in tutte le componenti che influiscono sulla redditività. Per saperne di più, contattaci senza impegno e inizia a sfruttare le risorse a disposizione per far decollare il tuo business.

  fabiola-giffoni-q-sfera  

Scritto da: Fabiola Giffoni


Coach e Formatrice specializzata in ambito business. Per Qsfera e per Studio Essepi affianca imprenditori e collaboratori per fare chiarezza sugli obiettivi del mangement, facendo emergere il potenziale degli stessi, per il raggiungimento di risultati personali e professionali.